Odio le menzogne

Una tra le cose che sopporto meno sono le bugie, sopratutto se riesco a beccarle, preferisco di gran lunga una triste verità…

Mi capita sempre più spesso di smascherare bugie, non puoi raccontarmi una cosa e dopo un mese cambiare versione, sebbene io non abbia una gran memoria pare che riesca a ricordarmi piccoli dettagli, piccoli racconti, aneddoti… molto spesso sono bugie di poco conto che vengono raccontate per risparmiarsi una figuraccia o una ramanzina, ma che portano conseguenze ben più gravi….

Proprio non riesco a trovare ragioni al mentire, io non mento quasi mai, piuttosto ometto d dire qualcosa, è pure difficile riuscire a costruire le bugie, devono essere credibili, dobbiamo ricordarcele e raccontare a tutti la stessa versione.Eppure sembra tutti mentano,  il vicino dicendo che non è stato lui a mettere fuori la spazzatura 4 giorni prima del consentito (ovvio sono gli altri che vanno a mettere i sacchi della differenziata fuori dal tuo cancello) , il figlio della tua amica (hai le mani e la faccia ricoperte di cioccolata ma non sei stato tu a sporcarmi la giacca)… e poi ci sono le bugie ben più gravi dette da coloro di cui ti fidi, le bugie che quando le scopri incrinano il rapporto tra le persone, perchè se mi hai mentito una volta come faccio a credere che non lo rifarai più o che quella era la prima volta che mi mentivi….

Voi cosa  ne pensate ? Voi mentite?


 

Annunci

…e se io non volessi farvi gli Auguri?

Io non vi ho fatto gli auguri di Pasqua, e non ve li farò… con gli anni sto diventando sociopatica, non amo le feste, forse a causa del mio lavoro, che in questo periodo si fa molto intenso , e mentre in parte mi fa piacere, perchè lavorare è una necessità, in parte mi ha portato a non apprezzarle più, quando arriva il momento del pranzo pasquale sono troppo stanca per godermelo, mi rimpinzo di cioccolata per consolare la stanchezza, come se fosse un modo per evitare di far cedere i nervi, peccato che poi le settimane successive me ne pento, perchè devo affrontare gli sfoghi sul viso, e i kg presi…

Pasqua la passo con la famiglia perchè è una tradizione e fino a quando ho le nonne mi dispiace non passarle con loro, perchè so che non avrò la fortuna di averle per sempre. Solitamente a Pasqua pranzo da una nonna e a Pasquetta dall’altra, quest anno la nonna con cui sono abituata a passare la pasquetta ha deciso di non fare nulla, e ammetto di provare una strana sensazione, per quanto non morissi dalla voglia di abbuffarmi in famiglia, mi fa provare tristezza aver saltato questa tradizione…

La cosa che odio di più però è l’ipocrisia di questo periodo,  io non sono credente, e come ho già detto, vivo le feste come un momento per “godermi” la famiglia. Invece sembra che la gente si ricordi di essere credente solo in questo periodo, a parte qualche rara eccezione la maggior parte  va a messa solo la domenica di Pasqua, evita di mangiare carne i venerdì per rispettare le tradizioni, ma poi non si fa problemi a bestemmiare. Ieri avevo i social invasi dagli auguri Pasquali, un pò tutti i profili riportavano “auguri a tutti di serena Pasqua”, chi con la semplice scritta, chi con qualche immagine divertente, chi  con immagini di coniglietti e pulcini sofficiosi , ma la maggior parte erano immagini religiose o legate alla simbologia di questo periodo, come colombe bianche con ramoscelli d’ulivo, immagini relative alla crocifissione e così via, quello che mi ha lasciato perplessa era la quantità di persone che hanno condiviso queste immagini, rispetto al solito sono stati in quantità superiore  al solito, e molte di queste persone so per certo non  essere particolarmente credenti… sono stati in molti i messaggi che mi sono giunti anche su whatsApp, credo inviati in blocco, e anche questo mi provoca tristezza, ricevere gli auguri mi fa piacere, ma solo se sono inviati con il cuore e pensando a me, un sms di gruppo li trovo sterili…

Sia chiaro, questo post non è rivolto alle persone realmente credenti, per cui porto molto rispetto, persone, che pregano in chiesa o nella loro intimità ,  alle persone che non bestemmiano anche se non credenti per rispetto per chi invece lo è, alle persone che amano passare le festività in famiglia … ma agli ipocriti che si riempiono la bocca con messaggi di pace e carità cristiana, inviano mille auguri, ma che poi è solo una bella facciata…

 

 

Mediaset vs le unioni gay

A volte mentre cucino seguo la trasmissione di canale 5 Forum, è forse un attacco di nostalgia di quando ero bambina, che a pranzo lo guardavano tutti insieme a casa di mia nonna.

Ultimamente ho notato una cosa (non so se è una coincidenza dato che io lo guardo saltuariamente) si parla moltissimo delle unioni gay, delle adozioni da parte di queste coppie ecc.. mi partono tantissime perplessità, mi chiedo come mai in un canale politicamente non neutro, abbiano assunto come conduttrice di un suo programma che credo tutti almeno una volta lo abbiamo visto, con un  pensiero politico diverso. Per chi non lo sapesse ora è condotto da Barbara Palombelli la moglie di Rutelli, da come parla mi sembra evidentemente di sinistra, e la Mediaset è in mano alla famiglia Berlusconi, sarei proprio curiosa di conoscere le motivazioni delle loro scelte  commerciali, inoltre vorrei capire il motivo di tutta questa propaganda pro adozioni gay, mi sembra quasi un modo per convincere l’opinione pubblica di una certa idea… forse mi sbaglierò, ma odio quando cercano di far cambiare idea alle persone con messaggi subliminali…

storie da palestra

Questa settimana  non so se avrò molto tempo libero da dedicare alla palestra, dato che ho già perso quasi tre settimane di allenamento a causa dell’influenza sto cercando di andarci nei momenti liberi. Ieri mattina  ci sono andata presto, e oltre a stupirmi per quanta gente ci vada praticamente all’alba (alle 8 avevano già finito di allenarsi) ho rincontrato una vecchia conoscenza, la tipa che si trucca a metà allenamento, ve la ricordate?  dopo aver scritto quell’articolo la incontravo tutte le settimane e mi è parso chiaro che stesse cercando di trovare l’anima gemella,  si allenava vicino ai “più fighi” della palestra e mi lanciava occhiataccia quando parlavo con il mio moroso (non credo gli fosse chiaro che stessimo insieme), ammetto che il suo atteggiamento ostile nei miei confronti mi divertiva… poi non l’ho più incontrata, pensavo avesse smesso di allenarsi visto che non otteneva risultati con i ragazzi della palestra….fino a ieri mattina, è arrivata con l’Eastpak pieno di libri, ho intuito che probabilmente è più giovane di quel che sembra, e senza neppure cambiarsi è andata ad allenarsi (questa è una cosa che non riuscirò mai a capire, eppure non mi ritengo una manica dell’igiene… ma un minimo) , mentre mi allenavo sull’ultima macchina l’ho vista difronte a me che discuteva animatamente con un tipo, un sudamericano palestrato, è stato impossibile non sentire quello che si stavano dicendo, o per lo meno quello che diceva lei, era piuttosto alterata, si lamentava perchè lui non rispondeva ai suoi messaggi, a quanto pare lei si è presa una cotta mentre a lui piace più fare il galletto e conquistarle tutte… ragazza mia dammi retta, la palestra non è il luogo giusto per fare conquiste, se vuoi una storia seria devi puntare ad altri tipi  di ragazzi, quelli troppo appariscenti, amano essere corteggiati, e non si accontentano di avere solo te!

Mi sono tolta un peso

(Questo è il mio primo post che faccio con l’app)
Questa sera mi sono tolta un peso. ..mi sento euforica e leggere, quando una passione diventa fonte di stress non credo abbia senso continuare, soprattutto se quella passione ruba tempo ed energie e non porta nessun profitto (economico o culturale )… ho dato le dimissioni da quel ruolo che mi stava stretto… credo fermamente avrei dovuto farlo prima. .. ora dovrò trovare un sostituto. ..perché ammetto di sentirne la mancanza,  un po’ come quando finisce una storia d’amore logorante  ,  ci si sente finalmente bene ma allo stesso tempo resta un vuoto, una sorta di nostalgia, quel che mi dispiace maggiormente è perdere i rapporti d’amicizia che si erano creati con queste persone… Comunque ora inizia un nuovo capitolo della mia vita! 

Mini Vacanza in Carnia

Questo post lo riporto dal mio vecchio blog che sto per chiudere, è il racconto di una vacanza che ho fatto a Dicembre 2015.

Dopo un periodo stressante abbiamo deciso che ci meritavamo qualche giorno di relax così (io e il mio moroso) approfittando del ponte del 8 Dicembre siamo andati in Carnia.

stavolo.jpg

Abbiamo scelto uno stavolo ristrutturato per avere pace totale!

La Carnia sicuramente si presta a chi cerca pace e relax, ma si possono trovare anche impianti sciistici, piste di pattinaggio sul ghiaccio, passeggiate con le ciaspole, anche in estate si possono trovare attività da svolgere come trekking e ciclismo. Ma ci sono anche svariati musei, anche se piccolini che meritano di essere visitati.
Noi abbiamo voluto dedicarci a un turismo enogastronomico e visitare alcuni paesini.
Piatti Tipici
  • Il Frico: solitamente viene preparato con vari tipi di formaggio, patate e cipolle e viene accompagnato dalla polenta.
  • I cjarsons: hanno un impasto simile all’impasto degli gnocchi e a quello dei ravioli, può avere vari tipi di ripieni, alcuni anche dolci, vengono serviti con il burro fuso e la ricotta affumicta
  • I formaggi: ci sono vari tipi di formaggi che potrete trovare anche nelle malghe.
  • I salumi (in particolare quelli di Sauris)
  • La selvaggina
  • Musetto con i crauti
  • Zuppe 

L’ultimo giorno di vacanza siamo stati costretti ad allargare il buco alla cintura…

 
Pesariis, il paese degli orologi
pesariis.jpg

Pesariis

 
In questo paesino si producono orologi fin dal 1600, il paese ospita un museo degli orologi (purtroppo è in ristrutturazione per cui abbiamo potuto visitarne solo una parte).
Vi consiglio di andarlo a visitare con la bella stagione, perchè , essendo situato in una valle non ci sono molte ore di luce, e durante l’inverno fa molto freddo, tra le vie del paese c’è un percorso con 24 orologi monumentali che rappresentano l’evoluzione dell’impresa locale.
per ulteriori informazioni:
Vi consiglio di visitare anche Casa Bruseschi,  una casa del XVII secolo, con tanto di arredi tipici.
Una bella passeggiata non può mancare nel  borgo più alto del friuli, tra le tipiche abitazioni si possono ammirare molte sculture in legno;  ovviamente sono da assaggiare gli affettati e la birra Zahre
sauris.jpg

Sauris

Le foto di questo post non sono opera mia, ringrazio il mio fotografo personale e il suo i phone
IMG-20151208-WA0004

Sella di Rioda

I posti che … TAG!

i-luoghi-che-tag

Ringrazio Marta Vitali per la nomina, ma ammetto che questo post mi ha messo in crisi non so se riuscirò a rispondere a tutte e 10 le domande… cominciamo

Le regole sono:

  • Riportare la foto del TAG (è una foto di Neogrigio del Monte Bianco visto dall’aereo)  √
  • Citare l’ideatore del TAG Neogrigio √
  • Ringraziare il blogger che vi ha nominato √
  • Rispondere alle domande √
  • Nominare 10 blog amici, soprattutto chi ama viaggiare, e avvisarli sulla loro bacheca, o comunque sincerarsi che abbiano ricevuto la nomination √
  • Aggiungere tra i TAG “ I posti che TAG” √
  • Inoltrare le vostre risposte al creatore del TAG (sempreNeogrigio) , nominandolo come undicesimo o inoltrandoglielo per altra via.

 

Il posto …

 

1 … che porti nel cuore

Per non essere ripetitiva vi rimando a questo post #ABitOfMeIsThere

 

2 … più divertente

Valencia, è la vacanza in cui mi sono divertita di più, fare l’alba tutte le notti, andare a ballare, trasgredire a tutte le regole che i miei mi imponevano a casa (all’epoca ero una 20enne), vedere l’alba, mangiare quando avevo fame, gli amici….

 

3 … più commovente

Probabilmente la risiera di San Sabba, anche se mi piacerebbe molto andare ad Auschwitz , ho visto anche altri posti commoventi, come ad esempio le trincee della prima guerra mondiale, oppure il Sacrario militare di Redipuglia con il museo, sono stata anche in un cimitero militare della prima guerra mondiale (sembrava un cimitero militare di quelli che si trovano in america, con prato inglese appena tagliato e tutte le lapidi bianche uguali.

 

4 … più deludente

Torino mi ha deluso molto, ma mi sono ripromessa di dargli una seconda possibilità…

Un altro posto che mi ha deluso è stato Schloss Kornberg in Austria, mi aspettavo uno splendido castello, e invece ho trovato un palazzo in realtà utilizzato per matrimoni e altre cerimonie, al suo interno c’erano adibiti anche dei negozi, che al momento della nostra visita erano chiusi, non c’era anima viva oltre a noi a differenza degli altri castelli che abbiamo visitato lo stesso giorno

 

5 … più sorprendente

Graz (Austria) credevo sarebbe stato un posto da visitare in mezza giornata, e invece mi ha sorpreso piacevolmente!

 

6 … più gustoso

Probabilmente la Carnia e la Toscana… per me la cucina Italiana è la migliore

 

7 … che ti hanno lasciato un ricordo particolare

Sono molti i luoghi che mi hanno lasciato ricordi particolari,  sia in negativo che in positivo…partendo dai luoghi della mia infanzia…non basterebbe per un post per parlare di tutti…

 

8 … più romantico

Firenze, è il primo week end che ho passato lontano da casa con il moroso (la mia prima storia seria), in una città che trovo favolosa e che ho visitato più volte

 

9 … che vorresti rivedere

La toscana, c’è così tanto da scoprire in questa regione

 

 

10 … dove ti piacerebbe andare

La lista è lunga, Texas, Londra, Finlandia, Grecia, Auschwitz, Torino, Milano, Roma….etc…

 

é arrivato il tempo delle nomine… non è molto che sono su WP per cui dovrei nominare tutti i post che seguo per arrivare a 10 e forse non basterebbero, quindi vi lascio il campo libero, chi vorrà accettare la nomination potrà farlo liberamente

 

 

 

 

 

….pomeriggio alternativo?

Sono nuovamente influenzata, non ne vengo più a capo, sono stata ammalata per 10 giorni, finalmente stavo bene e la simpaticona della titolare è venuta al lavoro con la febbre, non c’era bisogno di lei in realtà, ma doveva vantarsi con tutti i clienti dicendo -ho la febbre a 38 e sono al lavoro, noi titolari non abbiamo la cassa malati che ci copre- peccato che abbia passato il pomeriggio a spargere germi in negozio e fuori a fumare, e io, ovviamente mi sono ribeccata l’influenza… Oggi mi sono concessa il pomeriggio a casa (neppure io vengo pagata se sto a casa per la cronaca, non si sprecano di farmi un contratto, ma andiamo a vanti a voucher…) dopo aver sparecchiato la tavola mi sono piazzata sul divano con una tazza di infuso ai frutti rossi fumante (sperando che il caldo possa aiutarmi a smuovere un pò sto raffreddore bloccato), e telecomando alla mano ho cominciato a fare zapping… non è che il palinsesto televisivo mi tenesse molta compagnia, mi sono beccata pezzi di telenovella, programmi noiosi con conduttrici impostate, ho visto degli anziani litigare come se non ci fosse un domani (..che in effetti forse non avranno) e una Maria De Filippi che mediava, e nei canali che solitamente seguo la notte quando non riesco a dormire come dmax, real time, e tv8 ripropongono gli stessi episodi che ho già rivisto molte volte…

Eppure ricordo che anni fa il pomeriggio facevano vedere dei film sia sulle reti Mediaset che sulla Rai, magari non erano gran film, e in alcuni casi erano addirittura in bianco e nero ma riuscivano a tenermi impegnata per un paio di ore … dove sono finiti i vecchi film romanticoni adatti a un pomeriggio da malaticcia?

 

PIZZA TAG

tagpizza

Ringrazio vikibaum per la nomina, questo tag è stato ideato da bloody ivy

Questo è un tag “da prendere alla leggera”, ma saporito: vi invito a raccontare che pizza ordinate solitamente e come le mangiate, cercando da ciò riflessi del vostro carattere.

Regole:
1. Usa l’immagine originale del Tag.
2. Cita il creatore del Tag (bloody ivy) e ringrazia chi ti ha nominato.
3. Racconta che pizza scegli in pizzeria, come la mangi e l’intreccio con la tua personalità.
4. Tagga degli altri blogger.

Io solitamente cambio spesso il tipo di pizza che scelgo, e per questo adoro andare in pizzerie diverse a prenderla, se proprio dovessi scegliere una pizza direi, pizza con la bufala a fine cottura e senza mozzarella normale, ma ahimè non riesco mai a mangiarla, puntualmente sbagliano la mia ordinazione, la maggior parte delle volte mi portano una margherita più… con la mia personalità non centra nulla, è semplicemente perchè non amo la mozzarella che usano molti pizzaioli, e sopratutto ne mettono troppa per i miei gusti. Solitamente la taglio a spicchi e la mangio con le mani, se è troppo ricca di ingredienti la punta degli spicchi la taglio e mangio con la forchetta per evitare di sporcarmi.

Taggo

Cose da V

Marina

e voi che ne pensate

Madri che si pentono di esserlo…

Ho un paio alcuni contatti su fb che postano spesso articoli “contro” la maternità, le persone in questione le reputo femministe e animaliste, sono fissate, stanno lì tra i miei contatti soltanto perchè conoscendole nella vita reale sembrerebbe brutto se le rimuovessi dagli amici…considerando che ho impostato fb in modo che non mi faccia vedere la maggior parte di ciò che postano non vedo più molto di loro… oggi ho aperto un link che aveva messo una di queste ragazze, c’era l’intervista alla sociologa Orna Donath autrice di un libro che ha fatto molto discutere in cui racconta la storia di 23 donne che si sono pentite di avere avuto un figlio.

Generalmente sono contraria a questo genere di articoli perchè trovo che l’obbiettivo sia il gusto di creare polemica, ci ho pensato molto se era il caso di postarlo o no… ma alla fine il motivo per cui ho creato il blog è proprio per avere un confronto, trovarmi a discutere in maniera civile anche con persone che la pensano diversamente… so che probabilmente lo leggeranno in pochi perchè ne uscirà un papiro, se poi pensiamo anche ai vari link credo diventi difficile da leggere attraverso l’app.

Quando ero bambina sognavo l’abito bianco e la maternità, ero una bambina normale che adorava giocare a fare la mamma, ricordo che mi mettevo un lenzuolo in testa e sulle spalle per simboleggiare il vestito da sposa, e giravo con la carrozzina blu con dentro cicciobello , ricordo che avevo chiesto a Babbo Natale il marsupio per metterlo dentro e poter portare cicciobello anche quando andavo a fare la spesa con i miei. Crescendo la mia passione per i bambini e il matrimonio si allontanava, ma restavo convinta un giorno si sarebbero realizzati i miei sogni di bambina… quando l’età per creare famiglia è arrivata  mi sono resa conto che forse l’abito bianco non lo sognavo più, e dopo varie vicissitudini mi sono accorta di non avere nessun desiderio a diventare madre, tutti sostengono che un giorno me ne pentirò, oppure che ho tempo per cambiare idea, io li lascio parlare ma la realtà è, che alla soglia dei 30 credo di essere abbastanza matura per sapere cosa desidero.

Ho conosciuto delle ragazze che non hanno preso precauzioni durante i rapporti o che queste hanno fallito, una in particolare mi ha colpito, mi ha raccontato delle pressioni subite dal moroso dai parenti e dagli amici per non abortire,  la gente dovrebbe imparare a non intromettersi nelle scelte altrui, dovrebbe sostenerle senza influenzarle… Ha avuto una gravidanza pessima è stata seguita da psicologi ed ha seguito una terapia farmacologica,  per chi  non lo sapesse oltre alla depressione post parto esiste la depressione in gravidanza una volta nato il bambino la situazione non è migliorata lei lo ama profondamente ma lo ritiene la causa della sua infelicità, guardandoci intorno possiamo accorgerci di situazioni in cui vivono alcuni bambini, forse fanno parte di questa categoria di bambini non voluti…

Non voglio spingere nessuno verso l’aborto ci mancherebbe, però credo che in alcuni casi il portare avanti la gravidanza a tutti i costi non sia la scelta migliore sia per il bene della donna, sia per quella del bambino… Voi mi direte che esiste anche la possibilità dell’adozione, è vero ma credo fermamente che sia la più difficile da intraprendere e che non sempre i bambini adottati poi riusciranno a essere felici…

Mentre cercavo l’intervista che ho riportato sopra mi sono imbattuta in questo articolo ein quello di Margherita,  credo siano interessanti  anche i commenti, c’è un grosso stacco tra le donne che si trovano in questa situazione, si sentono inadatte, sbagliate, e chi non fa che puntagli contro il dito non capendo la gravità della situazione…

Questo articolo vuole essere uno spunto di riflessione per chi la pensa diversamente