Quando si ha bisogno di regalarsi qualcosa

Sono una persona risparmiatrice, non amo fare shopping, però ogni tanto sento l’enorme desiderio di regalarmi qualcosa di un po’ costoso. Non fraintendetemi non spendo cifre folli, però ho bisogno di un regalo vero, che non sia un paio di calzini nuovi. Devo farmelo io, non è valido se mi viene regalato da qualcun altro. Ho come l’esigenza di autopremiarmi per tutti i sacrifici che faccio ogni giorno.

Così mi sono regalata un telefono nuovo!! Quello che ho mi è stato regalato l’anno scorso, ma purtroppo non ha mai funzionato bene, è un modello molto vecchio per cui non riesce a stare al passo con le applicazioni moderne. Non ha memoria e anche questo lo rallenta molto (nonostante non abbia video o foto in memoria e ho solo poche applicazioni), mi capita di avere fretta di mandare un messaggio e lui non collabora devo attendere vari secondi prima che incominci a scrivere.

Ora vorrei trovare qualche compagnia telefonica che faccia ancora le vecchie ricaricabili senza abbonamento perché vorrei utilizzare il telefono vecchio per le emergenze (dato che non avremo una linea fissa)

Annunci

Grazie lidl

Questa mattina sono passata a prendere un po’ di verdura alla Lidl che devo ammettere la hanno più bella e fresca di molti altri supermercati di categoria superiore (o per lo meno nella mia zona), ovviamente a prezzi accessibili e la maggior parte proveniente dall’Italia.

Con mia grande sorpresa ho visto che la categoria free from lattosio era stata ingrandita… non ho potuto resistere e ho fatto shopping sfrenato di latticini. Addirittura avevano la pizza surgelata, oltre che il burro e i più classici formaggi spalmabili, mozzarelle, stracchino. Hanno prezzi un pochino più alti ma decisamente più accessibili della concorrenza di fascia più alta (in cui uno stracchino costa quasi 5€) .

Aggiornamento delle 17,15

Mi sono accorta che pizza e gelato non erano senza lattosio ma senza glutine 😭😭😭

Hanno fatto lo stesso logo, per cui fate attenzione

Attacchi d’ansia

Ora che la prima fase del trasloco sta diventando una realtà ho cominciato ad avere attacchi d’ansia.

Non è preoccupazione ma sono una sorta di attacchi di panico, mi sale l’agitazione improvvisamente, mi si chiude lo stomaco, mi aumentano i battiti, e comincio a sudare freddo.

Mi capita quando devo fare qualcosa di nuovo, anche se era qualcosa che desideravo da tempo. Solitamente tendo a scappare dalla situazione e/o a rinunciare a fare quella cosa perché temo si trasformino in attacchi di panico.

Ovviamente non scapperò dalla convivenza, devo solo riuscire a tenerli sotto controllo. Mi è già successo di averli prima di una convivenza, facendo finta di non averli, pian piano sono passati. Certo è che in questo momento devo cercare di ridurre le fonti di stress altrimenti possono solo peggiorare, e dato che il destino degli imprevisti ci sta mettendo lo zampino sarà dura, molto dura.

Intanto spero che il tempo passi in fretta, che arrivi metà luglio, di essere già sistemata nell’appartamento, così da ridurre le mi fonti di stress e far passare questi maledetti attacchi d’ansia

Non ne posso più di quest’attesa

Sto aspettando i giorni che mancano al momento in cui ci daranno l’appartamento, ma sebbene manchino meno di 15 giorni è un attesa estenuante…

Ci sono dei continui imprevisti che mi stanno snervando e facendo innervosire, mi sto preoccupando anche per il fatto che abbiamo un giorno solo per svuotare tutto l’appartamento compreso i mobili per poter poi permettere agli operai di entrare e sembra che solo io sia preoccupata per questo fatto…

Ps. Non credevo sarebbe stato così difficile recuperare scatoloni usati, e mi rifiuto di acquistarli, sia per una ragione ambientale, trovo davvero uno spreco acquistare e gettare uno scatolone dopo un solo utilizzo, sia per una ragione economica, uno scatolone costa dai 2,50€ ai 3,50€

1 giugno… sento l’euforia

Come ogni anno in primavera sento emozioni risvegliarsi in me, voglia di novità, di nuovi inizi, non a caso solitamente in questa stagione inizio a fare nuovi corsi o nuove passioni (quest’anno è toccato al corso di bonsai) .

Questa volta però è diverso, l’emozione è triplicata dal fatto che è il mese in cui mi daranno l’appartamento e iniziamo i lavori… so che devo aspettare fine mese e che probabilmente prima di metà luglio non entrerò, ma questa piacevole euforia mi ha colto sta mattina. Non vi nascondo le mille preoccupazioni che ho, come ad esempio riuscirò a svuotare in temo l’appartamento per poterlo lasciare in mano agli operai? Ci saranno abbastanza amici che verranno a darci una mano a svuotare l’appartamento? Riuscirò ad organizzarmi con il lavoro per avere abbastanza tempo libero? Riuscirò a svolgere tutte le incombenze prima della data del presunto trasloco?