Vorrei solo dirti…

Vorrei solo dirti che sono arrabbiata con te… Mi dici di volermi bene ma poi…

Vorrei solo dirti che mi dispiace se indirettamente ti ho fatto del male… Ma anche tu me ne stai facendo e molto

Vorrei solo dirti che non è giusto che mi continui a dire “non lasciarlo” solo perché ci tieni alla sua amicizia… E non vuoi perdere il gruppetto che si è formato.

Vorrei solo dirti che mi piaci quando sorridi… E quella fossetta poi…

Vorrei solo dirti che la tua amicizia per me è davvero importante.

Vorrei solo dirti non allontanarmi ho bisogno di te.

Vorrei solo dirti dammi un abbraccio

Vorrei solo dirti che mi hai sconvolta, sei riuscita a smuovere un sacco di cose in me mi hai fatto nascere una marea di dubbi su me stessa, mi hai reso insicura, mi hai tolto le certezze ma mi hai fatto scoprire un altro lato di me… Che in fondo non avevo mai voluto vedere ma che non è così brutto o sbagliato.

Vorrei solo dirti mi dispiace

Vorrei solo dirti dammi una possibilità, anche una sola

Vorrei solo dirti…

Però temo di aver sbagliato approccio con te… Temo di doverti lasciare andare. Credo smetterò di scriverti così spesso, credo comincerò a frequentare di meno i posti in cui so andrai… Anche se fa male… Ma non chiedermi di dimenticarti…

Però devo stare zitta e mordermi anche con te la lingua… Non sarà più come prima… E mi farà molto male

Un abbraccio é quello che mi serve…

So che non posso avere di più per cui mi accontento di un abbraccio… Ne ho bisogno, lo desidero. Voglio uno di quegli abbracci stretti, che sanno di affetto. Ed è così che lo voglio… Dammi ancora un abbraccio, ma cge non sia l’ultimo.

Vorrei solo piangere

Vorrei poter fare uno di quei bei pianti liberatori, uno di quelli che ti portano a snghiozzare e sospirare… Invece non riesco, mi scende una lacrimuccia e mi blocco, non riesco a lasciarmi andare… Avrei bisogno di un bel pianto liberatorio… E invece ricaccio le lacrime indietro e tutto prosegue uguale. Niente va meglio, niente mi riesce a rendere felice… Me ne sto qui in macchina cercando di piangere… Ma nulla… Nemmeno la stanchezza mi aiuta a lasciarmi andare…

Temo io momento in cui tornerò ad esplodere… E sta volta ne temo le conseguenze… Chi colpiró? Come finirà?

Vi prego lacrime scendete… Ho bisogno di attutire questo colpo… Ho bisogno di voi…

La prima volta che

In quest’ultimo periodo sto facendo un sacco di cose che non avevo mai fatto prima… No, non ne sono felice perché non sono cose da inserire nella lista 100 cose da fare nella vita, non tutte per lo meno, ma sono quel genere di cose che non avrei voluto fare. Ieri sera abbiamo fatto una cena a casa con amici, è stata una serata piacevole però a quanto pare ho bevuto troppo, senza accorgermene purtroppo. Così questa notte è stata per così dire impegnativa. Fortunatamente che ho cominciato a stare male quando erano già tutti andati via.

Mi sono sentita in imbarazzo, non che ci sia realmente nulla di grave o sbagliato, del resto non dovevo guidare e non sono una che si ubriaca abitualmente però..

Una prima volta degna di nota però c’è, per la prima volta questa settimana ho guidato una moto! E ho deciso che farò la patente a3. É da quando ho 15 anni che sogno di avere una moto. In questi anni per varie ragioni ho dovuto rinunciarci ma ora è arrivato il momento di non posticipare più i miei sogni, la vita è breve quindi farò la patente per la moto!!

Oggi

Oggi è una giornata uggiosa, non so bene come far svoltare giornata malinconica… Do colpa al tempo ma in realtà è la culla per i miei pensieri che si affollano senza definursi … Ieri sera ho incontrato un amica, è stata una serata molto piacevole, non l’avrei mai detto, io volevo andare altrove ed è stato un ripiego… Ma mi ha fatto bene, nonostante la musica alta del concerto di una cover band siamo riuscite a parlare un sacco a confrontarci… Ho deciso di darmi tempo e aspettare quel cge verrà… Per poi decidere con calma

Quella volta in cui non ero più io.

Questo articolo lo sto scrivendo con l’idea di lasciarlo in bozze, ma se lo stai leggendo vuol dire che ho trovato il coraggio di alleggerirmi la coscienza e andare avanti, di fregarmene delle critiche degli altri e forse di dare appoggio a chi capiterà quì spinto dai tag.

Finita la storia con il mio primo ragazzo ero molto giù, era stato il mio grande amore, non riuscivo a riprendermi, mi sentivo sola. Sono “caduta” tra le braccia di un uomo molto più grande di me, mi faceva sentire amata e speciale, mi dava attenzioni e mi prometteva un futuro insieme e una famiglia. La relazione fin dall’inizio è stata difficile, c’erano molti contrasti tra noi (anche se non sembravo accorgermene), dopo un paio d’anni è iniziata la convivenza, una parte di me era felicissima ma la vita insieme non era come me l’aspettavo. Durante la convivenza abbiamo parlato molte volte di avere un figlio. Mi sono sottoposta a vari esami, mi sono documentata ed informata. Ero pronta ad avere un figlio o per lo meno credevo di esserlo, avevo studiato tutto fin nei minimi dettagli, e non c’erano ragioni per non avere figli in quel momento, avevamo stabilità economica, una casa di proprietà, dei nonni (i suoceri) disposti ad aiutarci e io sarei rimasta a casa con il pupo per i primi anni (lavorando al massimo con un part-time). E sopratutto lui continuava a chiedermelo, raccontandomi quanto bello sarebbe stato avere un cucciolo frutto del nostro amore scorrazzare per casa.

La ricerca fu breve e per nulla divertente, a dire la verità i primi rapporti senza protezioni sono stati molto emozionanti, ma poi era quasi un dovere, un contare i giorni, non mi godevo il momento perchè passavo troppo tempo a studiare il mio corpo.

Mi ricordo ancora quel giorno in cui tutto cambiò, la mia migliore amica mi aveva accompagnato a comprare i test di gravidanza , e il mio ex (l’idiota ) aveva insistito perchè quella mattina appena sveglia facessi il test. Ero convinta fosse negativo, anche se era dal 31 dicembre che stavo poco bene, avevo attacchi di panico (dopo anni che non ne avevo più avuti), e molto mal di pancia chiari sintomi di mestruazioni in arrivo. Feci pipì in un bicchiere di carta, ci immersi lo stick per qualche secondo, una volta tappato lo appoggiati in orizzontale sul piano del bagno, proprio come era scritto sulle istruzioni che diligentemente avevo letto. Non passarono i 3 minuti come scritto nelle istruzioni, le due linee si colorarono in pochi secondi. Fui invasa da una vagonata di emozioni, sentii le farfalle nel utero, paura, gioia, euforia, panico, non capivo più nulla, quando l’idiota entrò in bagno era entusiasta ma io non più, non riuscivo a provare la gioia immensa di cui parlavano le altre donne, mi sentivo bloccata in un fermo immagine, non era paura non saprei esattamente descrivere che emozione fosse.

Seguivo diligentemente la dieta, facevo attenzione ai movimenti che facevo, non sollevavo pesi, prendevo gli integratori e mi sentivo non più proprietaria del mio corpo.

Durante l’ecografia provai gioia pura, poter vedere il piccoletto mi aveva fatto capire che il sentirmi così giù ne valeva la pena, perchè la ricompensa sarebbe stata enorme.

Più i giorni passavano più mi sentivo male, il mio corpo era un cadavere che mi trascinavo su e giù, non avevo più voglia di fare nulla, ero triste e apatica, tutti continuavano a ripetermi che erano gli ormoni che mi facevano stare così. Chiesi all’idiota di accompagnarmi da uno psicologo perchè probabilmente avevo un pò di depressione, lui mi disse che lo psicologo non mi serviva e mi accompagnò in chiesa a parlare con i frati, che ovviamente non mi capirono, sembrava non mi stessero a sentire. Le notti non dormivo, non riuscivo a chiudere occhio nonostante le pastigliette a base di erbe che mi aveva dato il medico, stavo sveglia con gli occhi spalancati al buio, in quella camera in cui avevamo da poco spostato i mobili in cui non riuscivo più ad orientarmi. Le giornate le passavo seduta sul divano a gambe incrociate (unico modo in cui si attenuavano i dolori a reni e pancia) tra le coperte, sentivo freddo, non mangiavo ne bevevo più , non mi andava, non andavo neppure al bagno (tanto senza ingerire cibo non ne avevo bisogno), non avevo energie per raggiungerlo, la mia testa mi paralizzava sul divano in quella posizione e piangevo, soffrivo, odiavo il mio corpo e quel bambino che mi stava facendo stare così.

Mi sentivo sola, la mia famiglia abitava lontano e non poteva venire tutti i giorni a trovarmi e l’idiota non capiva, non mi aiutava, riusciva solo a darmi ordini, a insistere affinché prendessi vitamine e cibo. La mia migliore amica mi diceva fatti forza vedrai che passa durante le telefonate che mi faceva, mia suocera proprio come il figlio mi accusavano di essermi lasciata andare , di non impegnarmi più nel fare le faccende domestiche.

Un giorno durante un incontro con mia madre che era venuta a trovarmi gli dissi che non riuscivo più a vivere, che stavo troppo male che quella vita che cresceva dentro di me non era una gioia ma una disgrazia, una malattia che mi mangiava. Non volevo più portare avanti la gravidanza, mia madre non era d’accordo e mi disse di pensarci bene. Quella sera parlai con l’idiota che si infuriò, mi disse che la mattina successiva me ne sarei dovuta andare da casa sua, che dovevo andare dai miei per riflettere su quello che gli avevo detto.

Due giorni dopo ho incontrato la psicologa,che si mostrò molto comprensiva e dolce, avevo bisogno in quel momento di qualcuno che non mi aggredisse che cercasse di comprendermi. Nel frattempo andavo in chiesa tutti i giorni pur non essendo la persona più credente al mondo, cercavo di mangiare qualcosa, e leggevo sul pc storie di altre donne che ci erano passate per sentirmi meno sola, meno mostro.

Ho cercato in tutti i modi di convincere l’idiota a tornare con me, a supportarmi, a darmi la forza di portare avanti quella gravidanza, ma lui rivoleva solo la sua auto e che io uscissi dalla sua vita, quando mi disse: “Non mi importa più nulla ne di te ne del bambino” Ho capito che era davvero finita, provai a parlare anche con sua madre come ultimo tentativo disperato, lei mi disse: “Sei tu il mostro, mio figlio è un santo, è troppo buono, e tu gli stai portando via tutto”.

Pensare che avevo scoperto che un mese prima voleva chiedermi di sposarlo ma io avevo boicottato la proposta, diceva di volermi sposare e avere un figlio, che erano le uniche cose che desiderava e invece mi aveva abbandonata nel momento del bisogno.

Mi sentivo persa, continuavo a sentirmi depressa, anche se avevo cominciato ad essere un pochino più attiva e a mangiare, continuavo a vivere quel bambino come una malattia che mi mangiava da dentro. Avevo enormi sensi di colpa nei confronti di quel bambino di cui non mi stavo prendendo cura, avevo enormi sensi di colpa nei confronti di tutte quelle donne che un figlio non riescono ad averlo. La psicologa era l’unica faccia amica che vedevo, come varcavo la soglia del suo studio scoppiavo in lacrime, nonostante anche lei fosse contraria all’aborto mi appoggiava vista la mia situazione.

Così ho cominciato tutta la prassi per fare l’ivg l’interruzione volontaria di gravidanza, non ne ero felice, ma non mi restava molto tempo per decidere. La ginecologa mi ha fatto un altra ecografia, e questa volta ho provato rabbia, io odiavo quel feto, in quel momento ho capito che era la scelta giusta, non potevo permettermi di mantenere quel bambino, non avevo un lavoro, e i miei non mi avrebbero potuto aiutare economicamente , non potevano neppure badarlo permettendomi di andare al lavoro (anche se loro erano assolutamente contrari al ivg). Il mio ex durate un incontro (ero andata a riprendermi tutte le mie cose) mi ha detto che me lo voleva portare via, perchè solo per aver pensato all’ivg non potevo tenerlo perchè instabile mentalmente. Io ero disposta a rinunciare alla mia felicità, a sacrificarmi per quel bimbo, ma mi chiedevo se sarei mai riuscita a renderlo felice con queste premesse…

Mi sentivo terribilmente sola, durante le visite in ospedale per poter effettuare l’ivg le ostetriche tutte obbiettrici di coscienza mi accusavano di superficialità , tutte convinte che quella gravidanza fosse frutto di un rapporto non protetto. Quando gli raccontavo la mia storia per un attimo chiudevano la bocca (intuivo che non se lo aspettavano) e si arrampicavano sugli specchi cercando di farmi cambiare idea.

Parlando con la psicologa è risultato che probabilmente io un figlio non lo volevo , che mi ero fatta convincere dal mio ex, ed è lo sbaglio più grande che ho fatto nella mia vita non avevo usato testa e cuore.

Dopo l’intervento ho saputo che l’idiota mi aveva fatto terra bruciata intorno, non avevo più amici, non so cosa abbia raccontato di preciso o come abbia fatto, ma le persone non mi salutavano neppure. Con la mia migliore amica ci ho messo dei mesi a risaldare il rapporto, alla fine anche lei ha capito che è stata la scelta più giusta. I miei non approvano tutt’ora e sebbene mi abbiano riaccolto in casa il nostro rapporto si è incrinato. L’ivg mi ha cambiato la vita, io non sono più quella di prima, per molto tempo ho avuto attacchi di ansia e di panico quando ero in presenza di bimbi piccoli, poi man mano sono diminuiti, ora ho solo grossi problemi quando qualcuno mi annuncia di aspettare un bimbo. Non credo la supererò mai del tutto, io figli non ne voglio più, una parte di me è rimasta in lutto per quel bimbo mai nato, il mio Enea. Mi è stato detto che un giorno la supererò, ma in realtà io non voglio superarla del tutto , quel leggero senso di colpa lo voglio provare. Nonostante tutto non mi sono mai pentita, se non lo avessi fatto mi sarei lasciata morire, e se fossi riuscita a sopravvivere quel bimbo non avrebbe avuto le basi per crescere bene.

Ho scoperto che l’idiota qualche mese dopo ha cominciato a frequentare una donna rumena, e dopo 3 mesi l’ha lasciata incinta, questo mi ha fatto molto molto male, è come se non avesse rispettato il lutto, di lui non mi importa più nulla ma ho capito di essere stata usata, per lui ero solo un incubatrice.

Questo articolo l’ho scritto anni fa… Ma in questo momento difficile credo sia giunto il momento di espormi almeno qui… Devo riprendere in mano la mia vita e per farlo devo far pace con il passato… Forse questo è un modo.

Il blog è il mio

È proprio vero che questo spazio mi aiuta nei momenti difficili, mi sono accorta che nei mesi scorsi scrivevo molto meno… Anzi quasi nulla, era un momento in cui fingevo con me stessa andasse tutto bene quindi non desideravo aprirmi nemmeno con me stessa… In questi giorni in cui ho perso l’entusiasmo di fare un sacco di cose che prima mi piacevano mi accorgo che ho ricominciato a scrivere molto apesso…

Oggi è una giornata uggiosa e non ho voglia di fare nulla anche se so che dovrei… Mi rendo conto che mi sto pian piano arrendendo al fatto che non posso avere una certa situazione e questo mi rende triste perché vorrei ma non posso… In parte è positivo io mi arrenda così forse smetterò di star male per questa situazione in parte mi mette tristezza… Perché io in fondo… Vorrei… Ed è così che mi viene in mente una canzone di Masini…

Scusate i pensieri soarsi e la confusione di questi ultimi articoli, ma la mia mente ora va così… E in fondo questo è il mio blog per cui non c’è bisogno io mi scusi… Posso fare ciò che voglio… Almeno quì…

La solitudine

É così che mi sento in questo momento… Sono in mezzo alla gente ma terribilmente sola dentro… Non riesco a capire ciò che provo e ciò che voglio…

Mi sa che sta volta mi sono presa un tram in piena faccia… Non so come avrei potuto evitarlo… Non so se riuscirò a mettere insieme tutti i pezzi e non attraversare quella strada… Ho combinato un gran casino in me…

Oggi la tristezza fa parte di me

Sto cominciando a rendermi conto che cio che vorrei mi è vietato… In parte sono felice di questo perché ora ciò che accadrà sarà più semplice da gestire , non dovrò prendere decisioni ma basterà che io faccia finta di nulla e lasci andare gli eventi. Però non è giusto, nemmeno sta volta ho deciso io, ed è un po’ come se il lavoro che avevo iniziato ad intraprendere con la psicologa sia stato inutile. Non so se mi rende più triste questo o la consapevolezza di non poter avere ciò che voglio… Riesco solo a dire uffa… Vorrei parlarvi di tutto, buttare fuori ciò che ho nella testa e nel cuore, scaricare addosso ad altri il bagaglio di emozioni e tristezza. Ma non posso nemmeno dire quale è la causa della mia preoccupazione…

Mi sento così triste…