Oggi ho deciso di prendermi una giornata libera, erano mesi che non lo facevo, mi ero prefissata di fare delle cose come ricominciare a correre, una bella passeggiata con il cane, un bagno caldo e provare finalmente la vasca idromassaggio (é da luglio che abito quì e non l’ho mai usata), fare un dolce, disegnare, leggere, scrivere nel blog… Alla fine non ho fatto nulla di tutto questo, avevo troppe cose da fare a casa, vedevo le ragnatele vedevo la polvere, vedevo le impronte sul pavimento e quel lato di me responsabile mi ha obbligato a prendermi le mie responsabilità.

Non sono proprio capace di prendermi del tempo per me… Questa cosa mi infastidisce, devo smetterla di essere sempre così responsabile e coccolarmi di più

Annunci

Sto per tornare

Negli ultimi mesi ho un po’ abbandonato il blog, quei pochi articoli che ho pubblicato li ho scritti tutti dal telefono con i relativi orrori di ortografia.

Il trasloco mi ha impegnato davvero molto, abbiamo dovuto fare parecchi lavoretti in casa che mi hanno tenuto impegnata, e poi ci sono stati una marea di piccoli imprevisti, ho bucato una gomma del auto per la prima volta ad esempio, ho realizzato anche qualche piccolo sogno di cui spero di parlarvi al più presto.

Volevo comunicarvi che finalmente avrò un pc tutto mio, dopo che il mio amato notebook mi ha abbandonato ho dovuto sfruttare i pc degli altri ma non è molto pratico.

Spero che il pc nuovo significhi che ricomincerò a scrivere con più assiduità nel blog, che continuerò dei progetti di fotografia che ho iniziato e poi lasciato lì, insomma che mi prenderò più tempo per me è le mie passioni.

Ho assolutamente bisogno di ricominciare a fare sport ma il poco tempo e la pigrizia mi stanno ostacolando non poco…

Quest’anno non ho nemmeno fatto la lista degli obbiettivi e non ho controllato di aver completato quella del anno scorso… Credo sarà opportuno che la riprenda in mano e cerchi di completarla quest’anno!

Il Grinch sono io…

Io amavo il natale, le lucine, i brillantini, l’albero di natale, le decorazioni. Non vedevo arrivasse il periodo delle feste con la sua magica atmosfera, i biscotti fatti in casa, il pandoro, le tradizioni natalizie…

Purtroppo da piccola non ho mai potuto avere il natale perfetto, perché c’era sempre qualche componente della famiglia che lavorava e non riuscivamo a stare tutti assieme. Poi pian piano i vari membri della famiglia hanno smesso di fare turni di lavoro e sono passati ad orari più normali i problemi però non sono finiti, ci sono stati i problemi di salute, i problemi di lavoro, insomma sempre qualcosa che mi impedisse di avere il natale perfetto.

Ora per me il natale non è più un momento di gioia, ma solo un momento di iper lavoro, arrivo a Natale che sono sfinita, nervosa, consumata. Purtroppo so che l’arrivo del Natale per me non coincide con un momento di riposo, ma devo attendere il capodanno e poi resistere fino al epifania per tornare alla realtà.

Per evitare discussioni accetto di stare solo con i parenti più stretti, anche se sento la nostalgia dei Santo Stefano a casa della nonna paterna in cui erano tutti invitati, e c’erano sempre le porte aperte per l’ospite del ultimo minuto.

Mi manca non sentire più la magia del Natale, mi manca guardare i cartoni Disney in tv aspettando il giorno di Natale. Voglio sentirmi euforica mentre mi trucco ed indosso “il vestito bello” con il sottofondo musicale delle canzoncine natalizie.

Ora non desidero nemmeno ricevere regali, mi mettono in difficoltà, non voglio donare nulla a nessuno, voglio solo potermene stare acciambellata sul divano con la mia coperta pelosa, con il cane al mio fianco, una cioccolata calda (ahimè fatta con latte vegetale) a guardarmi qualche film natalizio un po’ troppo smielato e dal finale scontato

Ditemi che non sono la sola a sentirmi sopraffatta dal natale…

Quando non deve andare non va…

Tutti gli anni dico sempre di più di odiare il periodo di Natale e quest’anno ho voluto provare a farmelo piacere a tutti i costi… Ho preparato con enorme anticipo gli addobbi di natale in modo da permettermi di godermi l’albero, mi sono ripromessa di andare a fare tante foto natalizie (e non so se riuscirò)…

Bhe di regali ne faccio pochi… Ma sono molto confusa in merito… Non so cosa fare… Come sempre del resto…

Oggi ho tirato fuori una delle tovaglie natalizie e volevo fare un post in merito… Ma ovviamente c’è sempre qualcosa che deve andare storto… È dopo vari piccoli imprevisti, la mia auto ha ben pensato di farmi uno scherzetto oggi… Ho trovato una vite nel pneumatico e la gomma quasi a terra… Ho provato a cambiare la gomma ma non sono neppure riuscita a smuovere i bulloni (per la cronaca sono capace di cambiarmi una gomma, ma sono abituata a certi lussi come trapano per togliere i bulloni e crick idraulico) per fortuna mio padre è riuscito a passare nel frattempo sono stata un oretta fuori al freddo ad aspettarlo… Bhe non è riuscito neanche lui a tirare giù la gomma di scorta… Il bullone era arrugginito e senza attrezzi migliori era impossibile tirarla giù. Fortunatamente non era a terra del tutto per cui mentre io sono tornata a casa carica come un mulo, dato che mi vergognavo a lasciare la macchina piena di tutto, ancora sto finendo il trasloco per cui i sedili sono perennemente abbassati, ho il baule pieno di terra, sassi, foglie, stracci sporchi, scatoloni rotti, insomma un vero disastro…

So che le gomme erano da cambiare ma speravo di arral prossimo anno…

L’altra sfiga é un ordine fatto su Amazon, il pacco è andato perso, mi hanno tornato i soldi, peccato che io avessi ordinato con il Black Friday per cui ora se riordino mi costa di più… L’assistenza Amazon è fantastica come sempre, peccato solo i venditori non siano altrettanto seri e non rispondano alle mail nemmeno se mandate in inglese…

Aiuta i bimbi grazie a Disney con una foto

Per festeggiare i 90 anni di topolino, dal 4 al 17 Novembre 2018, per ogni foto con le orecchie da Topolino (o un’interpretazione creativa di “orecchie”) condivisa come post pubblico su Facebook, Instagram o Twitter usando l’hashtag #ShareYourEars, Disney donerà 5$ a Make-A-Wish fino ad un totale di 2 milioni di dollari!

Ricordatevi di taggare anche la pagina Make a wish america

Ovviamente anche io ho partecipato, chissà se scoverete la mia foto😉

Vorrei scrivere ma…

Mi capita spesso di avere mille idee per un nuovo post, ma poi accade sempre qualcosa e finisce che non ho un momento di tranquillità per farlo… Mi dispiace tantissimo, mi sembra di abbandonare degli amici, non leggervi, non commentarvi mi lascia un velo di tristezza come se all’improvviso mi fossi trasferita in un paese lontano dove non esiste internet…

Finalmente abbiamo una linea ADSL a casa, più avanti vi racconterò le mille disavventure per riuscire ad averla. Nel nuovo appartamento va abbastanza bene, anche se a distanza di 4 mesi abbiamo ancora scatoloni e parecchie cose a casa dei rispettivi genitori. Molte cose non funzionavano e le stiamo pian piano sistemando, per poterci definire sistemati ci manca la voltura del gas (si sta rivelando un impresa riuscire a farla) e che prendiamo i mobili per la cameretta (diventerà cabina armadio e ufficio) perché in camera ci stanno pochi vestiti nel armadio a muro, il problema è che in inverno ci serve lo spazio per tenere i giubbotti e maglioni pesanti.

Con il mio compagno le cose vanno alla grande, l’unico problema è che siamo entrambi presi da mille impegni soprattutto lavorativi e non riusciamo a dedicarci il tempo che vorremmo.

Gli animali si sono ambientati, ma hanno avuto parecchi problemini di salute che ci hanno messo in difficoltà, soprattutto i problemi del mio cane, che comporta di mettergli del collirio ogni 3 ore circa e all inizio era ogni ora e mezza… Abbiamo fatto i salti mortali per riuscire a seguire la terapia. Ora stiamo aspettando che la nuova calopsite cresca per poterla portare finalmente a casa a far compagnia al mio maschietto.

L’erba del prato sta finalmente infoltendosi e se il tempo ci regalasse un po’ di sole in modo da farla asciugare per bene potremmo finalmente procedere al primo taglio.

E in tutto questa frenesia mi dispiace di non avere più tempo per fare sport, per andare a fare una bella camminata ed aver finito per mettere su peso

Guardando i passanti…

Ho una vita finta di appuntamenti che ogni tanto non riesco ad incastrare bene e così capita che mi resta un buco quà e la. Nel attresa che apra la farmacia sto aspettando seduta su una panchina. Guardo i passanti sento il vociare degli ambulanti che preparano il loro stand, oggi c’è il mercato, è ancora presto, ci sono solo gli anziani che hanno sempre fretta di fare tutto devono sempre arrivare per primi, come se la frutta migliore finisse, come se il banco delle biancheria intima vendesse tutte le mutande della loro taglia.

Ci sono i vigili che controllano che tutto sia in ordine, un ambulante se la prende per qualcosa che gli ha detto il vigile, si innervosisce, lo vedo fremere e poi esplode e alza la voce, li sento dire che è ingiusto…

Passano i ragazzini che devono andare a scuola, hanno un passo molleggiato che farebbero invidia a Celentano, schiena curva testa bassa e ciuffo sul viso, avanzano barcollando, a passo lento, troppo, in questo modo arriveranno tardi, troppo.

Un cane abbaia in lontananza, una nonna spinge il passeggino della nipotina che ha due enormi codine…

Due ragazzine, probabilmente compagne di classe dei bradipi di prima, si affettano in direzione della scuola, sono belle, indossano abiti leggeri che mettono in risalto l’abbronzatura, avanzano sicure si se e ridacchiano per qualche segreto che si sono confessate, sembrano molto più mature dei loro coetanei con gli zaini portati con gli spalline lunghi e avvolte nei jeans alla moda.

Pian pianino la persone cominciano ad arrivare, il sole nonostante l’ora mi sta scaldando, mi piace, finalmente ho un attimo per godermelo, i questa estate non sono mai riuscita a farlo, troppi impegni, troppo di corsa… Ora però vi saluto, devo lasciare questa panchina e tornare alla vita reale.

Biblioteca questo posto sconosciuto

Non ne ho mai parlato fino ad ora perché ho intenzione di fare un post prossimamente apposito, ma da qualche mese faccio parte di Friendz un applicazione dedicata alla fotografia, per spiegarla in breve richiede di fare delle foto e in cambio dà buoni spesa (anche Amazon). Non si guadagna una follia (io partecipando molto circa 10€ al mese) ma è un modo per fare qualcosa, per coltivare la passione per la fotografia (non serve essere fotografi, si può fotografare anche con il cellulare) e guadagnare qualcosina, inoltre si riesce a fare nuove amicizie non solo virtuali. (Se volete ulteriori informazioni sarò lieta di darvele basta che mi scrivete nei commenti. )

Il tema di questo lunedì erano le biblioteche, bisognava fotografare un libro con tallonino o timbro della biblioteca. Quello che mi ha stupito sono i commenti delle persone, tutti disperati che dicevano “io non vado in biblioteca i libri li compro” . Sono tutti pronti ad acquistare articoli (sia culinari sia di altro genere) per partecipare a certe campagne e non sono disposti a prendere in prestito un libro in biblioteca (quasi ovunque è un operazione gratuita).

Attualmente ammetto di leggere poco ma in passato ero un accanita lettrice (sono convinta di avere qualche forma di dislessia non diagnosticata da piccola, e la lettura e lo scrivere molto nei blog e nei forum mi ha aiutato, certo errori ne faccio ancora molti, come potrete notare nei miei post ma senza dubbio sono migliorata anche nella velocità), leggevo tranquillamente anche 2 o 3 libri al mese, se avessi dovuto acquistarli sarebbe stata una spesa davvero impegnativa oltre al problema di non avere spazio a casa per una grande libreria. Molto commenti dicevano di essere di grandi lettori ma di non voler avere un tempo limite in cui poter leggere (quasi tutte le biblioteche danno i libri in prestito per un mese prolungabile a due),io mi chiedo ma se sono grandi lettori come fanno a non riuscire a finire un libro in due mesi? Altra critica è che dicevano di avere piacere nel possedere il libro, ma vivono tutti in case molto grandi che hanno tutto questo spazio in cui riporre i libri ? Anche a livello economico se si legge molto può diventare una spesa importante a fine anno.

Non ho creato questo post per criticare chi non va in biblioteca, ci mancherebbe ogni uno fa quel che vuole, più che altro non riesco a capire tutto questo astio per le biblioteche. Ho sempre amato andare in biblioteca, il profumo dei libri, il silenzio la luce soffusa, i tavoli con i ragazzi che studiano, affianco a loro le pile di libri poggiati disordinatame, i sorrisetti i sussurri.

Grazie al tema biblioteca sono finalmente andata a fare la tessera nella biblioteca del paese dove vivo ora, in questi due mesi non avevo avuto occasione di andarci. Ho dato uno sguardo veloce tra gli scaffali e mi sembra ben fornita di romanzi, ho avuto il piacere di farmi guidare tra i corridoi da una gentilissima bibliotecaria, che mi ha accompagnato personalmente a cercare i libri richiesti.

Voi siete tra gli “allergici” alle biblioteche oppure ogni tanto ci andate?

Recensione Granarolo “fatto con il cocco”

Come ho raccontato in altri post sono intollerante al lattosio, quindi cerco alternative ai latticini, pur esistendo i delattosiati preferisco ridurne l’uso perché seppur in piccole dosi contengono comunque il lattosio. I prodotti per vegani e per intolleranti sono quasi sempre a base di soia, di cui non si può abusare (secondo alcuni studi potrebbe portare problemi a livello ormonale, e chi ha problemi alla tiroide non dovrebbe mangiarla). Quindi cercando alternative vegetali senza soia ho trovato una linea della Granarolo fatta con il cocco.

Pro

  • Senza lattosi
  • Senza soia
  • Senza glutine
  • Gusti particolari
  • Quantità di calorie contenute (91 kcal per 100g)
  • Ha fermenti lattici
  • Packaging carino

Contro

  • Non c’è l’aggiunta di calcio
  • Non facile da reperire
  • Lo spacciano per cremoso, ma ha una consistenza strana, quasi viscido
  • I pezzetti di lime secondo me non sono piacevoli quando lo si mangia e sono amarotici
  • Il gusto non l’ho trovato per nulla gradevole, il cocco si sente poco e con il lime non c’entra nulla
  • Purtroppo non ho conservato lo scontrino ma se non ricordo male il costo era un po’ superiore ad altri yogurt vegetali

Non è un prodotto che consiglierei soprattutto per la consistenza. Non proverò altri prodotti di questa linea.

Voi lo avete provato? Vi è piaciuto?

Aloni fantasma in tv

Forse qualcuno di voi avra’ notato la mia assenza, il trasloco sta andando più per le lunghe del previsto, sia io che il mio compagno abbiamo avuto un periodo intenso al lavoro. Il mio moroso ha voluto fare delle modifiche come comprare tavolo e sedie nuove per la cucina (le sedie andavano assolutamente cambiare mentre il tavolo era ancora in discrete condizioni) e ovviamente per risparmiare abbiamo rinunciato alla consegna a casa e montiamo tutto noi per questo il tempo libero è sempre meno.

Questa mattina io sono a casa e mi dedico ovviamente alle pulizie (oltre che a portate al lavoro e andare a prendere il mio moroso che è senza macchina). Ho deciso di prendere 10 minuti di pausa per fare uno spuntino e ho acceso la TV, ho notato che non solo la Barba Durso ha l’alone bianco intorno a lei ma ora anche la Panicucci. Sia chiaro non guardo quelle trasmissioni tv ma nei momenti di zapping è facile imbattersi nei loro programmi TV.

Se non avete mai visto i loro programmi provate a buttarli un occhio, noterete che l’illuminazione è talmente forte che dà un effetto satinato alle facce nascondendo le rughe, e crea un alone luminoso attorno. Io amo vedere i visi vissuti con qualche rughetta, mi piace anche fotografarli, in questo mi sento un po’ giapponese dato che loro hanno la disciplina kintsugi che è l’arte di abbracciare la bellezza delle cicatrici.