Il profilattico è un tabù

Oggi voglio parlare dei profilattici, si avete letto bene. Io non amo parlare di sesso perchè è un argomento che mi piace possa restare privato, intimo, qualcosa che appartiene solo a noi stessi e, talvolta al proprio partner ma, questa volta voglio affrontare l’argomento contracezzione perchè credo sia un pò troppo spesso un tabù anche se questo significa espormi.

Di sesso se ne parla spesso , sento molti uomini ma anche donne vantarsi delle proprie performans, la tv e la pubblicità ci offre continuamente imput sessuali e immagini di nudo e pornogravia anche negli orari più sensibili, però mai nessuno parla di contracezione.

Quando andavo in terza media ricordo che seguimmo durante gli orari scolastci un corso di educazione sessuale, io l’ho ripetuto (sono stata bocciata e ho fatto due volte la terza, ma questa è un altra storia), ricordo che in entrambe le classi c’era genitori che si erano opposti, che non volevano che i figli facessero un corso inutile anzichè studiare con il rischio di metterli sulla strada della perdizione. La cosa assurda che ricordo, sopratutto per quel che riguarda i miei compagni di classe maschi era l’ignoranza in questo argomento, erano tutti pronti a farsi vedere esperti ma poi di fronte a domande semplici come cosa sono le mestruazioni entravano in crisi, mentre noi femminucce eravamo un pochino più esperte di loro anche per quel che riguardava l’apparato genitale maschile. Mia mamma non ha mai avuto argomenti tabù, mi ha parlato di contracezione e di prevenzione di malattie ma pare che in molte altre famiglie questo compito nessuno se lo assume.

I film non aiutano a spingerci a usare i profilattici, nessuno li usa, troppo poco romantici, potrebbero rovinare l’atmosfera, peccato che tutti facciano sesso con un perfetto sconosciuto (o con più) senza usare profilattici con nessuno, e raramente si parla di malattie, nei film il peggio chè può succedere se non si usa il profilattico è restare incinta. Credo che se fossimo più abituati a vedere il gesto di prendere il profilattico prima di un rapporto o di chiederlo verrebbe più automatico usarlo, anche per i più giovani.

Sia chiaro non sono ipocondriaca, e anche io talvolta ho sbagliato e non l’ho usato, è anche vero che non ho rapporti occasionali , e non sono andata a letto con una squadra di calcio intera, tre storie ho avuto e solo con loro ho avuto rapporti, però è anche vero che non ho mai preteso esami del sangue sbagliando , un pò perchè è difficile farlo all’inizio quando non c’è una certa confidenza e poi lo diventa ancora di più perchè sembra che non ti fidi della persona. Però io mi sono sempre controllata, al termine delle mi eprecedenti storie ho fatto gli esami specifici del sangue, volevo essere tranquilla.

Il profilattico è senzadubbio antipatico e non piacevole, ammetto che non sempre è facile averli, perchè nel portafoglio non li puoi consrrvare (perchè con lo sfregamento si potrebbero rompere) in auto neppure (perchè ci sono gli sbalzi di temperatura) , io in borsa ne ho sempre uno ma che periodicamente butto e sostituisco perchè in effetti anche lì subisce maltrattamenti (sbalzi di temperatura, urti…). Ringrazio di essere donna perchè in effetti mi imbarazza acquistarli, ed è sbagliato, dovremmo vantarci di utilizzarli non vergognarci. Ammetto anche che non sia bello usarlo, per quanto vantino di aver inventato profilattici, anatomici, stimolanti, ultrasottili si sentono, non è come non avrlo, però può servire per salvarci la vita. Anche nel sesso orale non è che sia divertente usarli, anche se li hanno inventati aromatizzati.

Parlando con le persone sento molti dire ma prendo la pillola non resto incinta, è vdero, ma stai andando a letto con uno sconosciuto, o con uno che ha rapporti con altre donne oltre che con te. Mi stupisco sempre quando i giovani usino iol coito interrotto anche per non restare incinta, ragazzi non è efficace, conosco più di qualche donna che è rimasta incinta, altre a qui non è successo, ma perchè rischiare?

Spero questo post possa essere servito a far riflettere qualcuno, spero che anche un solo genitore decida di fare un discorsetto ai propri figli, spero davvero che un giorno il profilattico non sia più un tabù.

Cosa ne pensate?

Annunci

L’importanza delle parole

Questa sera mentre tornavo da una serata in cui ero andata a ballare con il mo moroso abbiamo cominciato a discutere. Non ho mai capito la ragione, ma molto spesso durante i viaggi in auto di rientro da qualche serata finiamo per affrontare discorsi troppo impegnativi per la tarda ora.

Questa volta la discussione è partita tutta da un post di facebook del “Il Signor Distruggere” , per chi non lo conoscesse è un blogger che si definisce “Trentenne ironico, acido e perfido.” Nella sua pagina facebook, si diverte spesso a ironizzare e prendere in giro, mamma estremiste e talvolta ignoranti , diciamo quella categoria di “mamme pericolose” per i propri pargoli e per la società. Il post in questione era questo
Per chi non avesse fb:

[…] Ciao mamme e future mamme ho 21 anni già sono mamma di una principessa di quasi 6 anni da due anni cerchiamo la cocogna il mese scorso dopo 9 giorni di ritardo macchie e venne il ciclo andai dalla mia ginecologa e mi fece la visita e mi disse che era tutto apposto e mi doveva stimolare mi diede le vitamine ovule e antibiotici che ho preso poi mi diede altre tipo di pillole e una siringa da fare il primo giorno del ciclo il ciclo doveva presentarsi il 3 ottobre ma ad oggi ancora nnt stamattina ho voluto fare il test ma nnt negativo ho solo un po’ il seno intolensito e ogni tanto un dolore al basso ventre la ginecologa km ha detto che devo astrettare lunedì la beta altrimenti mi stimola a qualcuna di voi è capitato il test negativo e la beta positiva io spero che ho beccato la cicogna perché è il mio desiderio più grande grazie è scusate il discorso lungo

Il testo citato è quello originale, non ho fatto nessuna modifica se non eliminato una piccola parte iniziale. Come potete notare, la domanda di questa ragazza è posta decisamente male, ha una punteggiatura inesistente, ed è ricca di errori ortografici. Ovviamente al testo citato sono seguiti una marea di commenti, alcuni esilaranti , puntati a criticare esclusivamente la frase per come scritta, ma altri decisamente più cattivi che riguardano la vita privata e la persona stessa che ha scritto il post come questo:

Cara mamma, anziché farti ingravidare da minorenne, avresti fatto meglio a concludere almeno le scuole medie. Sei più analfabeta di zio Michele di Avetrana, porca merda.

che io ho trovato assolutamente cattivi e inadeguati.

Tornando al motivo del post, io mi sono indignata a leggere certi commenti, e il mio moroso sosteneva che mi sentissi così perchè per qualche strana ragione mi stava simpatica quella ragazza quindi in qualche modo cercavo di difenderla. In realtà ho cercato di fargli capire che un post pieno di errori lo avrei potuto scrivere pure io, che di errori ne faccio, e bastava solo applicarsi un attimo per capire il senso del messaggio, (sempre che uno sappia cosa sono le beta e gli ovuli). Il mio moroso sosteneva che io non faccio così tanti errori  e comunque non avrebbe dovuto scrivere delle cose personali seppur in forma anonima nel web.

Prima di proseguire con il post, vorrei dire che io e IMM (Il Mio Moroso) andiamo d’accorto e cogliamo spesso l’occasione per confrontarci e aprire le nostre menti, che non sono liti vere e proprie.

Quello  che mi ha fatto alterare è che la gente si trasforma in un leone da tastiera e spari sentenze cattive, senza essere un pò empatici, senza provare a capire l’altro. Da quì il discorso è continuato colpendo vari argomenti, mentre cercavo di far capire quanto facilmente possiamo ferire qualcuno e influenzarlo (sia in maniera negativa che positiva). Secondo me è molto importante dosare le parole anche se spesso molto difficile. Se io ad esempio dico : non sono MAI andata a Roma,  non c’è nulla di male o strano , se invece dico : Non andrei MAI a vivere a Roma è uno sbaglio, perchè non posso sapere cosa mi aspetta il futuro, e lo stesso ragionamento lo si può applicare per argomentare nostri pensieri ad esempio dire : chi abbandona (o da via) un cane merita la morte, lo trovo un commento inutile e cattivo, per quanto io sia contraria ad abbandonare un cane e penso ci dovrebbero essere pene più severe per chi lo fa, però ci potrebbero essere delle ragioni valide per cercare una nuova casa al cane in questione, ad esempio è di una persona anziana che deve trasferirsi in casa di riposo, e non ha parenti che possano adottarlo.

Concludo vista la tarda ora senza dilungarmi troppo, che dovremmo sempre bloccarci prima di sparare una sentenza o commentare un post e valutare il modo più diplomatico per farlo in modo costruttivo anzichè distruttivo, inoltre dovremmo provare ad immedesimarci nel altro. Importante è anche cercare di fare affermazioni ponderate, sopratutto se in qualche modo rischiamo di influenzare gli altri, di farlo in positivo e non in negativo.

P.s. spero di non aver fatto troppi errori di ortografia e di non essere finita scherno di qualche battutaccia.

 

 

Le foto che condividiamo

Mi è capitato recentemente di trovare una mia foto postata su Instagram da una terza persona, è  stato un caso che la vedessi. Dopo aver chiesto al utente in questione di menzionare tra i tag l’autore della foto (lo ha fatto) mi sono sorti molti dubbi, oltre che il nervoso di veder qualcun altro prendersi il merito del mio lavoro.

Quante volte ci apropriamo di foto non nostre e le postiamo sui nostri blog e social?  Sarebbe buona norma sia per evitare problemi sia per rispetto del autore della foto taggarlo nella didascalia o per lo meno taggare la fonte di dove abbiamo preso la foto , qualcuno di voi lo fa ma la maggior parte no, cosa ne pensate?

E da oggi si torna alla realtà 

Il mio moroso ha finito le ferie quindi avremo nuovamente poco tempo per stare assieme… queste “ferie” mi hanno lasciato delle belle gite, dei bei momenti, un po’ di abbronzatura (anche se in stile muratore) , delle pattinate, molte foto… una reflex che non funziona più bene, delle gambe che necessitano una ceretta fatta da un estetista (perché per fare in fretta ho passato un po’ troppe volte la lametta) , unghie da mani e piedi da sustemare, e un chili in più (ancora non so quanti) … 

In questa settimana dovrò tornare slla vita reale, sistemare le cose lasciate in sospeso e cercare di programmare i mesi restanti alla fine dell’anno 

Mangiare sano e diete… difficile capirci qualcosa, io ci provo ma…

Sono parecchi anni che cerco di mangiare sano e perdere peso, nei primi anni (ero ragazzina) l’ho facevo nel modo sbagliato, saltavo qualche pasto, mangiavo meno, per poi sostituire il pranzo o la cena con qualche schifezza, facevo molte passeggiate e usavo la bicicletta come mezzo principale, ovviamente da minorenni si ha un metabolismo da paura per cui bastava questo per essere in forma. Crescendo ho cominciato a fare una vita più sedentaria (causa lavoro e moroso) così ho ridotto un pò le porzioni sopratutto di pasta e pane, eliminato fritti, merendine e limitato i dolci alla sola colazione, e in effetti per i primi anni ha funzionato bene questo regime alimentare, alla fine della relazione con il mio primo moroso ho perso ulteriore peso, avevo il fisico che desideravo. Successivamente ho un pò ignorato il lato estetico e pur mangiando in maniera abbastanza sana e camminando molto non facevo attenzione alle porzioni e agli sgarri per cui nel giro di poco  ho messo su peso e il mio ex compagno (il mio secondo moroso quello soprannominato l’idiota) non mi aiutava per nulla a mantenermi in forma. Finita la convivenza mi sono guardata allo specchi non riconoscendomi più, quella non ero io, quello non era il mio corpo, non mi piacevo più. I primi due mesi ho perso quasi 5kg, ero caduta in depressione (non a causa del peso, ma di certo aver messo su chili non aiutava a farmi sentire bene) il cibo mi era nemico, non provavo più piacere a mangiare , praticamente mangiavo per sopravvivere, non avevo mai fame e detestavo il mio corpo oltre che il mio ex, in questi due mesi provavo sentimenti positivi solamente camminando, per cui macinavo km tutti i giorni. Passati i due mesi (tempo che mi ero concessa per stare “in lutto”) mi sono ripresa molto in fretta da quello stato, ho aumentato le porzioni sopratutto di frutta e verdura, e ho cominciato a correre, dato che camminare mi faceva stare tanto bene ma non avevo sempre a disposizione 2 o 3 ore per poterlo fare sperando di poter soddisfare la mia necessità di sport in questo modo. Correre è stato molto più difficile del previsto, così ho cominciato a studiare come poterlo fare meglio , ho aggiunto altri esercizi alla corsa e in tutto ho perso 9 kg, però quel leggero strato di pancetta non l’ho mai perso del tutto. Negli anni successivi, ho cercato di mantenermi attiva, di praticare sport (attualmente faccio palestra due volte la settimana, corsa una volta, tiro con l’arco una volta ogni 15 giorni, camminate 2 volte la settimana) di mangiare sano (sgarrando il fine settimana e vanificando gli sforzi fatti ) ma sta cavolo di pancetta non va via. Le ragioni per cui non riesco ad avere il fisico che vorrei sono:

  • Il vivere con i miei, loro non sono particolarmente attenti alla linea, per cui spesso è difficile mangiare sano vivendo con la mia famiglia.
  • Un altra difficoltà è il non avere sempre sufficiente tempo libero per praticare sport.
  • Purtroppo non sono molto alta quindi l’apporto calorico che dovrei assumere è basso e questo complica le cose.
  • Ma forse il problema principale è che non mi è chiaro come si dovrebbe mangiare, ogni uno dice la sua, non cè un professionista che la pensi uguale a un altro, e anche le teorie di chi ha seguito varie diete mi mettono sempre più dubbi.

Recentemente una mia conoscente è andata da un alimentarista e gli ha prescritto un sacco di integratori e cibi particolari che ovviamente vende lui. Precedentemente aveva seguito una dieta troppo restrittiva (anche questa prescritta da un dietologo) che l’ha fatta pure svenire, prima ancora si era affidata a uno di quei geni che si professano guru che le dava un sacco di polverine da sciogliere in acqua come sostitutivo del pasto. A una mia amica è stata prescritta una dieta detossinante, davvero difficile da seguire (per una persona che lavora) e per nulla economica (oltretutto pare che queste diete detox non facciano neppure bene).

Gli integratori e i sostitutivi del pasto fanno più male che bene, c’è il rischio di affaticare reni e fegato, per questo non sarebbe da prenderli con leggerezza, e invece pare che tutti li prendano di loro iniziativa e che molti medici li prescrivano con troppa leggerezza. Anche le bibite integratore in vendita nei supermercati non andrebbero consumate se non in casi in cui ce ne sia reale necessità, le persone credono che una sudata con il caldo estivo necessiti di essere reintegrata attraverso questi prodotti, e invece  sarebbe sufficiente del acqua e una macedonia di frutta , oltretutto questi prodotti hanno un apporto calorico molto elevato, per non parlare di zuccheri  e carboidrati.

Eppure sulla rete e negli studi continuano a spuntare questi personal trainer e questi coach del benessere e nutrizionisti, e pure i dietologi sembrano poco professionali a chi rivolgersi allora?

Come fare a mangiare sano senza integratori, come perdere peso senza fare diete drastiche o quantità di sport da atleti? Senza eliminare un sacco di cose (come pasta, cereali e carne)? Ci sono troppe teorie e troppo caos…

#globalRunningDay

Ho tentato di rebloggare un post di doodlemarti senza però riuscirci , maledetta app.

GLOBAL RUNNING DAY 2017

Ed è oggi!!! L’ho scoperto stamattina a colazione 🙂 Se no avrei fatto un post un pochino prima…ahahah, che tempismo! Ma c’é ancora tempo, siamo a metà giornata e tutti possono dare il loro contributo! Non serve correre una maratona, basta solo…correre!

Abbasso la pigrizia! E una volta che la corsa è fatta, è divertente aggiungerla al sito ufficiale per vedere quanti milioni di km in tutto il mondo verranno corsi oggi 🙂

Global Running Day

global-running-day-v1

Nel mio piccolo oggi ho dato un contributo con una corsa così composta: 2 km riscaldamento + 5 km veloci + 1 km defaticamento. Ho avuto la testa che aveva davvero bisogno di staccare. In effetti ho corso senza rendermene conto, dal gran che ero presa dai miei pensieri, come non mi accadeva da tanto. E’ stato bello, nel bosco bagnato dalle grandi piogge di ieri, ma col sole che cercava di filtrare fra i rami.

18839178_10212822001285921_5744174498109158450_n

Ho cercato anche di coinvolgere Kuro, che dall’alto del suo tiragraffi se la dormiva bene…si è concesso solo per un paio di selfie…non ho un cane, se no lo portavo a correre! Ma correre con un gatto…uhm…la vedo dura XD ahahah!

Buona giornata mondiale della corsa a tutti!!

 

Non mi sono potuta tirare indietro e ho partecipato anche io, anche se ho corso per solo 5 km.

Un nuovo sport

Come ho già raccontato non è un gran periodo per me in ambito lavorativo, così sto cercando di limitare il più possibile le spese. 

Qualche settimana fa mi è capitato tra le mani un volantino che pubblicizzava un corso di difesa personale femminile gratuito, creato  da qualche ente pubblico (onestamente non ho ben capito da chi è perché) così ho deciso di iscrivermi.

Questa sera avrò la prima lezione ma ho molti dubbi, temo sarà un corso noioso. Ne ho già fatti altri di corsi simili in passato e mi ero divertita tantissimo, ricordo che a fine lezione mi sentivo veramente bene sia con il corpo che con lo spirito. L’insegnante era un appassionato di cultura giapponese quindi ci inseriva molte nozioni durante le lezioni, ci faceva fare meditazione oltre che farci “combattere” realmente (non erano movimenti figurati). Questo corso è tenuto da un altro insegnante e temo non ci farà fare i 10 minuti di meditazione a fine lezione, durante la presentazione del corso lo abbiamo conosciuto e non mi ha fatto una bellissima impressione, ha detto faremo anche molta teoria… temo ci farà i pipponi sul fatto che non dobbiamo andare in cerca del pericolo, che non dobbiamo uscire da sole, che non dobbiamo provocare con vestiti succinti.

Vi racconterò com’è andata anche perché alla presentazione le donne erano tutte mature oltre i 45 anni ero la unica giovane a differenza degli altri corsi che ho frequentato in cui c’era molta più varietà di età ed eravamo riuscite a creare un bel gruppo solido con cui ho mantenuto i contatti anche una volta finito il corso.

Speriamo!

Giornata finalmente terminata

In questo periodo arrivo alla sera distrutta, sarà la primavera in arrivo o  forse un periodo stressante,  il problema è che quando sonl molto stanca sono nervosa, arrabbiata e con la lacrima facile. .. sta sera ho voluto provare a cercare una soluzione, la palestra! E sembra che abbia funzionato alla grande, mi sento rigenerata! E la sauna non mi ha steso come mi sarei aspettata ma ricaricata. Cena leggera con uno yogurt e ora me ne vado a letto. .. sperando il sonne arrivi 

Buoni propositi 2017

E’ arrivato il momento di fare la lista per il nuovo anno e tirare le somme di questo, aggiorno direttamente il vecchio post.

  1. Rimettermi a dieta, questo punto è sempre presente!
  2. Fare un tatuaggio, il tatuaggio che desidero da anni, ma che continuo a rimandare per timore del “per sempre”, anche se ultimamente sono meno convinta.
  3. Fare sport, almeno 2 volte alla settimana svolgere un attività sportiva.
  4. Leggere almeno 12 libri, e segnare tutti quelli che leggo possibilmente facendo una mini recensione.
  5. Fare la pasta fatta in casa , o per lo meno provarci.
  6. Fare almeno 2 dolci al mese.
  7. Imparare a fare una cosa nuova 
  8. Imparare a gestire lo stress, e controllarmi nei momenti in cui sono nervosa non prendendomela con le persone che mi vogliono bene,  sono migliorata, ma c’è ancora molto da fare.
  9. Pianificare almeno due viaggi e farli di almeno 3 giorni ciascuno.
  10. Pulire la macchina almeno una volta al mese almeno gli interni.
  11. Prendermi più cura di me, con creme per il corpo, trucco tutti i giorni, scrub ecc
  12. Tenere camera mia in ordine, questo sembra un punto da adolescente, sono terribilmente disordinata ma quando ho vissuto fuori casa ero piuttosto brava a tenere tutto in ordine ora voglio ritrovare quella qualità. (non sono diventata perfetta, ma sono migliorata)
  13. Andare a convivere.
  14. Aprire un attività mia.
  15. Migliorare le mie capacità fotografiche, trovare qualcuno che mi chieda di scattargli delle foto per qualche avvenimento.
  16. Prendere il flash per la reflex.
  17. Completare con successo almeno 12 punti di questa lista.
  18. Aggiungere almeno due punti alla lista cose da fare nella vita e tenerla aggiornata.
  19. Ricominciare a correre, e riuscire a correre nuovamente i 10 km.
  20. Fare l’albero di Natale.

Se ne avete fatte anche voi, mettetemi il link nei commenti che sono curiosa di vederle.

Buoni propositi di settembre (2016)

Come dicevo in un mio recente post in questo periodo dell’anno ho bisogno di normalità, di tutte quelle cose che abitualmente faccio, di avere una lancetta che con il suo ticchettio scandisca i momenti della mia vita, i buoni propositi e le liste mi aiutano ad indicare la direzione da percorrere.

I buoni propositi per questo settembre (so che settembre non è ancora arrivato sul calendario, ma la mia voglia di autunno fa si che io lo abbia anticipato questo mese) sono:

  • Perdere almeno 1,5 kg  (in realtà avrei voluto scrivere 2 kg , ma non voglio fissare obbiettivi troppo difficili da raggiungere).
  • Voglio ricominciare ad andare in palestra (almeno) 2 volte a settimana.
  • Vorrei riuscire a correre almeno 1 volta a settimana.
  • Iscrivermi al campo di tiro con l’arco ed andare a tirare più regolarmente.
  • Stò continuando a giocare a pokemon go, e entro la fine di settembre vorrei percorrere altri 100km.
  • Andare avanti con la lista di buoni propositi per l’anno 2016