Gente da spiaggia

Oggi giornata al mare!

Sono abbastanza fortunata, abito in una zona in cui in un ora si può raggiungere sia il mate che la montagna. Fin da piccola associavo il mare alle vacanze, crescendo ho capito perché i miei preferissero andare in montagna. La gente sa essere davvero pesante e insopportabile. Durante le ulti, e gite in montagna ho capito che neppure lì si può stare in pace, i cafoni la hanno scoperta.

Abbiamo ricevuto un invito da amici che sono al mare per lavoro a passare un pomeriggio in piscina da loro. Con non poca fatica ho convinto il mio compagno ad andare giù prima… Che poi tra traffico, code per prendere l’ombrellone tanto presto non siamo arrivati in spiaggia, comunque alla fine ci siamo riusciti. Ammetto che il profumo del mare è delle creme solari è in grado di regalarmi una piacevole sensazione. Neppure i venditori ambulanti con la loro paccottiglia quelli con il cocco bello e le asiatiche che offrono “masagio” riesco a disturbarmi… I vicini invece riescono a indispormi, genitori che continuano a riprendere i figli per qualsiasi cosa, bambini che litigano, la cinquantenne con gusti musicali discutibili che vuole farceli conoscere riproducendoli con il suo smarthpone…

E voi come state passando la giornata?

Dieta e progressi

Qualche tempo fa vi raccontavo che sono a dieta (l’articolo lo potete trovare quì), con questo post mentre smangiucchio delle ciliegie raccolte in giardino come spuntino di metà mattina vi racconterò i progressi ottenuti.

Dopo aver seguito per un mese in maniera maniacale la dieta prescritta dalla nutrizionista e aver perso 2 chili in 15 giorni e poi più nulla, soprattutto dal punto di vista del gonfiore addominale che era la principale ragione per cui ho deciso di rivolgermi a un professionista ho deciso che non aveva senso spendere soldi per non avere risultati. Così ho chiamato la nutrizionista per interrompere il nostro rapporto, ho contattato il medico e l’ho convinto a farmi fare ulteriori esami.

Però ho deciso di continuare la dieta con delle variazioni, perché tutta questa restrittezza mi stava facendo diventare matta. Ho diminuito la dose di pasta che ho in dieta (dopo pranzo mi sentivo sempre gonfia) di eliminare quasi del tutto il pane e le patate quando ho le proteine. Diminuito le noci e frutta secca che mi faceva assumere durante il giorno (fino a 30 g) io ora ne mengio al massimo 10 grammi al giorno , e ho deciso che se non ho voglia di mangiare la frutta (a colazione e negli spuntini di metà mattina e pomeriggio) non li avrei mangiati, sforzarsi di mangiare più di quel che il corpo vuole mi aumentava il senso di gonfiore. Inoltre ora quando ho le proteine per cena ha deciso di alternare come voglio, se il giorno che avrei il pesce mi va il pollo mangio quello, ovviamente il giorno che ho avrei il pollo mangio il pesce ma questa piccola elasticità mi ha fatto rinascere psicologicamente. Questi adattamenti mi hanno permesso di aiutarmi a sgonfiare oltre che a perdere altri quasi 2 kg in 15 giorni.

Ora sono ripartiti i commenti delle persone, commenti di cui devo difendermi da una vita. – “sei fortunata tu che sei magra”, “beata te che riesci a perdere peso”, “ma tu non hai bisogno di dimagrire”… Ecco io per essere magra mi spacco, faccio attività fisica, mangio iper sano senza concedermi quasi mai degli extra (in realtà da quando ho personalizzato la dieta mi concedo un bicchiere di vino e uno spritz durante il fine settimana), la verità è che muoio dalla voglia di mangiarmi una cheese cake a cucchiaiate, mi fa voglia vedere che il mio compagno si spalma fette di pane e Nutella nella nostra cucina ma so di non potermi concedere questi sgarri e continuo con il mio percorso. Non sono mai stata obesa, ma non riuscivo ad accettare il mio corpo che non era più quello di 3 anni fa, così nell’armadio stavano a prendere polvere un sacco di vestiti magliette, pantaloni che non avevo più il coraggio di indossare, ora il mio corpo mi piace nuovamente, e tra un chilo e mezzo potrò allentare nuovamente la dieta e concedermi degli extra in più, come una bella cena all you can eat do sushi.

Calzettoni

Negli ultimi giorni ho incontrato vari ragazzini che indossavano i pantaloni corti ma la cosa strana è che indossavano i calzettoni alti… Ma sul serio è una una nuova moda?!? Aggiornatemi

Ps. Questa settimana ho visto le prime lucciole! Ora aspetto i maggiolini!

Sandali ai piedi

Non ho mai amato i piedi delle persone, anzi li ho sempre trovati una parte brutta del corpo. Tollero giusto quelli dei bambini mentre quelli dei neonati li trovo carini.

Non potrei fare ne l’estetista ne il podologo, loro vedono dei piedi orrendi, quelli con le unghie gialle e spesse degli anziani, quelli con lo sporco sotto le unghie, quelli con lo smalto mezzo venuto via, quelli con i calli, verruche… Insomma I piedi peggiori.

Mi sono sempre chiesta il perché i feticisti li amino tanto, come facciano a trovarli e citati ed attraenti… Anzi se sapete darmi una risposta o se lo siete voi stessi vi sarei grata di illuminarmi.

Non ho sandali sia perché avendo un piede piccino e molto magro fatico a trovarli sia perché con le nostre strade zozze non mi viene proprio voglia di esporli. A casa invece adoro camminare scalza o in infradito, adoro passeggiare sul prato calpestando l’erbetta morbida che mi solletica la pianta del piede.

Nonostante io non ami esporre i miei piedi li ho sempre belli curati, con le unghie corte laccate di rosso, alla sera metto la crema nei periodi in cui sono più secchi e periodicamente mi faccio la pedicure.

Con i primi caldi di questi giorni molte persone ne hanno approfittato per tirare fuori sandali e ciabatte, e ho visto un sacco di unghie troppo lunghe 3 non curate… Ma il peggiori sono stati i talloni, tutti screpolati con i tipici solchi verticali… Terribili… Non avrei il coraggio di mostrare i miei piedi se fossero ridotti così. Mi chiedo anche come sia possibile che diventino così, forse non curandoli mai? Forse è solo predisposizione?