La lingua batte dove il dente duole…

Ci sono dei giorni in cui sarebbe meglio restassi a letto, sarebbe più costruttivo…

Ieri mattina mi sono accorta di avere rotto un dente, ovviamente non poteva che essermi successo di domenica… la causa è da ricercasi probabilmente nel fatto che ho scoperto da qualche mese di soffrire di bruxismo, praticamente durante la notte sbatto i denti (le persone con questo disturbo solitamente li digrignano, io neppure questo riesco a fare in maniera normale) e durante il giorno serro le mandibole, questo mi porta ad avere dolori alla mandibola, alla testa oltre che ai denti (dato che consumo lo smalto). Erano anni che accusavo questi sintomi ma nessun dentista mi aveva fatto presente che è probabile avessi questo problema, e il mio ex (che viveva con me) non mi ha mai detto che la notte io sbattevo i denti, (devo ricordarmi di ringraziarlo anche per aver lasciato mi rovinassi i denti )…

Questa mattina ho chiamato una clinica dentistica (una di quelle low cost, in questo periodo non posso permettermi di sostenere grosse spese), mi hanno fissato un appuntamento dopo un ora a causa di una disdetta dell’ultimo minuto… giusto il tempo di vestirmi e truccarmi e mi sono fiondata in auto,  programmato l’app google maps e sono partita… dopo una 15ina di minuti di viaggio ho preso l’uscita autostradale ed è cominciata l’agonia… ho seguito attentamente le indicazioni fino a quando mi avvisa di essere arrivata a destinazione… emmm… era evidente non fosse il posto giusto, ovviamente quando serve non c’è neppure un pedone a cui chiedere indicazioni, mi sono ritrovata a girare a vuoto fino a quando un cartello mi dice di essere in un paesino lì vicino, “fantastico” ho pensato “ora chiamo la clinica e mi faccio spiegare dove si trova”. Noooo …il telefono non squillava più, la linea continuava a cadere, dopo uno svariato numero di tentativi mi risponde un messaggio registrato che mi annuncia di attendere in linea che le operatrici sono tutte occupate (tanto sono io che pago la bolletta), alla fine risponde una tizia non troppo gentile che mi dice, ovvio che con il navigatore non riuscivi ad arrivare, in questo paese ci sono 2 vie con lo stesso nome…. ora mi chiedo in un paesino di 5000 abitanti è possibile che non siano riusciti a trovare due vie con nomi diversi?, la tipa scocciata mi spiega distrattamente la strada…

dopo altri 15 minuti di girovagaggio a caso richiamo la clinica (giuro, in quel momento volevo solo tornarmene a casa, la mia pazienza era al limite) seguo la stessa prassi di prima della line che cade, nel frattempo vedo un signore che passeggia sotto la pioggia senza ombrello (già questo doveva farmi capire che era meglio se tiravo dritto), era un signore straniero, che parlava poco italiano e che mi ha fatto perdere solo dell’altro tempo. Quando sono riuscita finalmente a parlare con il call center ormai avevo accumulato 10 minuti di ritardo, questa volta mi risponde una ragazza dalla voce giovane e cordiale, che mi spiega in maniera molto chiara come raggiungere la clinica e di non preoccuparmi per il ritardo.

Non mi sembrava vero finalmente ero arrivata, potevo cominciare a preoccuparmi per la visita e l’otturazione anziché per la strada, chiudo l’auto e corro verso l’ingresso della clinica, non appena il mio piede si appoggia sul  marciapiede bagnato scivola via e il mio bacino impatta sul freddo lastricato (ma chi è quel geniale architetto che non ha pensato di fare un pavimento anti sdrucciolo??) la mia borsa, che ovviamente avevo dimenticato di chiudere, mi scappa di mano e atterra facendo uscire tutto il suo contenuto… sono rimasta qualche secondo bloccata in quella posizione mentre mi concentravo per non far scendere le lacrime, più per il nervoso che per il dolore…

Mi reco alla reception e mi dicono che c’è un pò da aspettare (dato che ero in ritardo hanno fatto passare avanti la signora dopo di me che era in anticipo) “nessun problema” dico, sentendomi pure in colpa per il ritardo… mi accuccio su una sedia  cercando una posizione che mi faccia sentire meno dolore al fianco dopo la caduta…

Aspetto, aspetto, aspetto e aspetto.

Dopo quasi due ore tocca a me e dopo una breve visita mi dicono che devo fissare un appuntamento per la lastra e un altro per sistemare il dente, così torno in reception e mi fissano l’appuntamento per la lastra per 3 settimane dopo…

Conclusione, ho sprecato la mattina, benzina, mi sono procurata un bel livido e ho dovuto fissare l’appuntamento con un altro dentista… mica posso aspettare un mese con il mal di denti…

 

Annunci

2 comments

  1. vikibaum · febbraio 16, 2016

    ragazzi, il festival della sfiga, era meglio davvero se stavi a riposo…ciaooo e buona giornata

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...